Una prima impressione.

Al ritorno dal viaggio attraverso le Repubbliche Baltiche le prime impressioni sono decise e molto positive.

Innanzitutto sono nazioni unite nell’immaginario collettivo (nell’ordine “Estonia, Lettonia e Lituania”) ma, pur mostrando caratteristiche simili, sono molto diverse fra loro.

Le tre capitali, di cui scriverò diffusamente in seguito, sono città a misura d’uomo, turistiche, ma non troppo, piene di spazi verdi, vivibili ed eleganti.

Fuori dalle città si stende a perdita d’occhio la pianura dove i campi si alternano a fitte foreste di conifere e di betulle punteggiate di casette di legno linde e colorate.

E poi c’è il Baltico, mai troppo lontano, c’è una storia comune di vita sul mare, di commerci, di tranquilla agiatezza.

Ma gli aspetti che colpiscono di più sono l’amore per la propria terra e la speranza nel futuro, la speranza di chi ha conosciuto un passato spesso difficile, ma che sa guardare avanti, rimboccarsi le maniche e darsi da fare.

La catena umana che proprio trent’anni fa collegava le tre capitali è un po’ il simbolo di questo desiderio di mettersi in gioco.

Riga (Lettonia)
La catena umana

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.