Bellagio.

Sul battello strapieno che da Lecco porta a Bellagio a stento si sente parlare italiano, ma si sa che il Lago di Como è amatissimo dagli stranieri che, invariabilmente, puntano verso Bellagio (ma anche Varenna è gettonatissima).

Anche le vie di Bellagio e il Lungo Lario sono affollatissime di turisti, molti dei quali intenti a decifrare i menù esposti alle porte dei ristoranti, molti altri, invece, che hanno avuto la splendida idea di arrivare con la loro automobile, sono intenti a decifrare le istruzioni dei parchimetri.

Dopo il temporale di ieri il cielo splendente è percorso da sbuffi di nubi innocue, ma molto scenografiche mentre i colori dei fiori e delle foglie sembrano accesi dall’aria limpida.

Il parco di Villa Melzi, con i suoi alberi secolari, è un trionfo di verde e di bellezza e dalla terrazza della villa la vista del lago è uno splendore e quasi quasi provo una punta di invidia per le persone che, nel passato, hanno avuto la fortuna di vivere lì e di affacciarsi sullo specchio d’acqua che, un secolo fa, probabilmente era meno popolato di natanti e doveva dare un’immagine di riposante tranquillità.

Ed è proprio un senso di pace e tranquillità quello che provo, seduta su una panchina tra gli alberi, con fiori e alberi intorno e davanti il lago e i monti.

Bellagio

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.