Berlino.

Fino agli anni ottanta, quando la città era ancora divisa dal muro, sono andata spesso a Berlino poi, per tanto tempo, non sono più tornata anche perchè i miei amici, che vivevano nella parte orientale della città, potevano finalmente viaggiare attraverso l’Europa.

Dopo tanti anni eccomi qua, a cercare di far coincidere i ricordi con la realtà, ad aggirarmi tra i palazzi di Potsdamer Platz con la memoria di un grande spazio vuoto attraversato dal muro, ad attraversare la Porta di Brandeburgo, a passeggiare liberamente in Alexanderplatz.

Oggi Berlino è una città viva, un cantiere ancora aperto, un luogo che alterna edifici nuovissimi a costruzioni che risalgono al grigiore dagli anni della Guerra Fredda quando una “Cortina di ferro”, come disse Churchill, era calata attraverso l’Europa.

Berlino è anche la città che sta facendo i conti con il suo pesante passato senza ipocrisie e che sa mostrare con naturalezza i dolori e gli orrori della storia nella consapevolezza che solo affrontando la realtà si può comprenderla e superarla.

Berlino - Alexanderplatz

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.