Quest’anno anch’io “saracch”.

Due anni fa, in occasione della “Festa di Saracch” mi trovavo a vagare tra le spiagge e le rocce di Itaca, lo scorso anno ero impegnata tra gli esami di terza media e le ultime ansie della pensione, ma quest’anno, finalmente, sono una libera cittadina e posso partecipare a questa festa che celebra la cavenaghesità (si dirà così?).

Sono una cavenaghese solo di adozione, visto che la mia famiglia si è trasferita qui da Milano quando avevo undici anni, ma anche se Milano sarà sempre la mia città, questo è il luogo dove sono cresciuta, dove mi sono innamorata, dove ho messo su famiglia, dove ho lavorato per quasi tutta la vita, dove riposano i miei cari che non ci sono più, dove ho trovato amicizie sincere.

In poche parole Cavenago, per me, è “casa” e quindi mi sento un po’ saracch anch’io.

Oggi ho ritirato il mio costume, scuro e sobrio come si conviene (e si conveniva) a una signora in età, un abito un po’ da “regiura” , cioè di una di quelle donne forti che reggevano sulle loro spalle le sorti di una intera famiglia, che lavoravano a testa bassa, in silenzio, ma con grande dignità e autorità.

Adesso sono pronta a partecipare alla festa con entusiasmo.

Cavenago di Brianza - Festa di Saracch

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.