Un po’ terrificante, ma …

Ne avevo sentito parlare spesso, ma non avevo mai avuto l’occasione di visitare la cappella ossario annessa alla chiesa di San Bernardino alle Ossa che sorge tra Via Larga e il Verziere.

L’edificio, a pianta quadrata, ha le pareti quasi completamente ricoperte di teschi ed ossa che si trovavano nell’antico ossario, distrutto nel 1642 dal crollo del campanile della vicina Basilica di Santo Stefano in Brolo, e dai resti umani riesumati nei cimiteri soppressi dopo la chiusura dell’ospedale locale, avvenuta nel 1652.

E’ inutile dire che, nella cappella, si espira un’atmosfera vagamente inquietante che ispira pensieri compunti sul destino dell’uomo.

Qualche turista si aggira un po’ stranito, qualcuno ridacchia nervosamente quasi ad esorcizzare il timore che tutti quei teschi dalle orbite oscure incutono anche agli spiriti più spavaldi.

San Bernardino alle Ossa merita sicuramente una visita, magari non in una tetra giornata di nebbia.

Milano - San Bernardino alle ossa

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.