Un’altra Milano.

C’è la Milano dei monumenti, dei turisti in file più o meno ordinate, del Quadrilatero della moda con le vetrine scintillanti, dei caffè e degli aperitivi (chi si ricorda la “Milano da Bere”?), dei locali sui Navigli.

E poi c’è l’altra Milano, quella dove la gente vive e lavora, la Milano che non si sposta con i bus gran turismo o i taxi, ma sotto terra, in metropolitana, o sotto il cielo con i tram sferraglianti, la Milano dei mercati che si snodano nei quartieri, affollati di gente che non “fa shopping”, ma più normalmente “fa la spesa”, di gente che non ammira i monumenti e i grattacieli perché li vede tutti i giorni.

Oggi, mentre andavo a Niguarda con il tram numero 5, un tram decisamente “vintage” con i sedili ancora in legno (proprio come i tram della mia infanzia), mi sono persa ad osservare la città della gente e non dei turisti, la città che corre, che non ha tempo da perdere, che vive.

Respiro aria di casa perchè è in “questa” Milano che mi sento veramente a casa.

Milano - Università  Bocconi

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.