Il dolore lontano.

La sacralità della Pasqua è stata funestata da una serie di attentati in Sri Lanka dove si piangono decine e decine di vittime e centinaia di feriti, ma le immagini scorrono sugli schermi televisivi quasi in sordina.

Una settimana fa ci siamo paralizzati davanti alle immagini della cattedrale di Notre Dame avvolta dalle fiamme con emozioni di sgomento e di dolore, ma incredibilmente le stesse emozioni sembrano attutite davanti alla tragedia di Colombo, come se il dolore si potesse misurare sulla distanza, come se fosse giusto che ciò che succede accanto a noi ci coinvolga di più di ciò che accade lontano.

Continuiamo a parlare di globalizzazione, ma è chiaro che non sentiamo il dolore in modo globale perchè i sentimenti sono diversi se chi è colpito è vicino a noi o ci somiglia.

Anche noi, forse, dovremmo chiederci, come il dottore della Legge della parabola del “Buon samaritano”: “Chi è il mio prossimo?”.

Padova - Giotto - Cappella degli Scrovegni

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.