Il profumo delle spezie.

Oggi ho visitato la Collezione Branca, un affascinante museo d’ impresa posto nello storico stabilimento aperto nel 1907 come ampliamento della fabbrica sorta a Porta Nuova nel 1845.

Il museo è imperniato, soprattutto, sulla produzione del Fernet, un liquore distillato, in origine, come anticolerico e antimalarico, quindi con una connotazione fortemente terapeutica, e in seguito affermatosi in tutto il mondo come aperitivo e digestivo.

Alla base del successo del Fernet c’è una formula segreta, tramandata letteralmente di padre in figlio, in cui entrano ventisette tra erbe, radici e spezie il cui profumo riempie una sala in cui si mischiano gli aromi dell’anice stellato, della cannella, della camomilla, per citarne solo alcuni.

Il percorso museale si snoda attraverso la storia dell’azienda, la ricostruzione dei vari reparti come la distilleria, la falegnameria dove i mastri d’ascia lavoravano le botti, la sartoria che produceva le divise, per finire con una vasta raccolta di manifesti che raccontano le scelte pubblicitarie e di marketing.

La vera chicca, però, sono le cantine, insospettabilmente estese, che ospitano ben allineate le grandi botti di rovere dove i distillati invecchiano nel buio e nel silenzio.

Milano - Collezione, distillerie e cantine Branca
Milano - Collezione, distillerie e cantine Branca

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.