Una “coccola” stratosferica.

Quando ero bambina adoravo le caramelle “Rossana”, avvolte nella carta rossa, con l’involucro di zucchero croccante e il cuore di crema deliziosa e dolcissima dal vago sapore di nocciola.

Ultimamente gli scaffali dei supermercati si sono riempiti di creme spalmabili fantasiose e colorate che richiamano il gusto di biscotti al cioccolato e merendine al cocco così che la scelta, tra la più tradizionale alla nocciola del Piemonte e i nuovi prodotti si fa sempre più ardua.

Qualche tempo fa mi è giunta la notizia che era stata creata l’ennesima crema spalmabile che, praticamente, consiste nel ripieno delle caramelle “Rossana” in barattolo.

Pensavo che si trattasse di una leggenda metropolitana e invece, dopo lunghe quanto inutili ricerche, l’ho finalmente trovata e me l sono portata a casa.

Inutile dire che il gusto ricorda proprio quello delle celebri caramelle, che è dolcissima e profumata, che ha le calorie di una teglia di lasagne e che, purtroppo, va gustata in dosaggi omeopatici per evitare una pericolosa impennata del tasso glicemico.

Si tratta proprio di una “coccola” stratosferica da assumere in piccole dosi soprattutto nei momenti di sconforto.

Rossana

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.