Un’altra Italia.

Era un’Italia diversa quella nata proprio oggi, il 17 marzo, di centocinquantotto anni fa.

Innanzitutto era una monarchia costituzionale regolata dallo Statuto Albertino, la costituzione “concessa” nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai sudditi del Regno di Sardegna, e poi le mancavano alcuni “pezzi” fondamentali come Roma, il Veneto, il Trentino Alto Adige ed il Friuli Venezia Giulia.

Per inciso: l’Italia ha dovuto attendere il 1918 per vedere il territorio nazionale completato, così come lo conosciamo oggi, e il 1946 per rinascere a nuova vita, dopo gli orrori della guerra, come Repubblica.

Quando è nato il Regno d’Italia la capitale era Torino, solo più tardi, dopo la breve parentesi di Firenze, la capitale sarebbe diventata Roma, ma Torino ha conservato l’atmosfera elegante di una capitale ottocentesca, con i palazzi, gli spazi di ampio respiro, i luoghi del potere.

Quella del 17 marzo 1861 era un’Italia diversa, ma aveva già in sè la bellezza e le contraddizioni dell’Italia di oggi.

Torino - Palazzo Carignano - Museo del Risorgimento

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.