L’Arsenale dei Veneziani.

Fin dal XII secolo l’Arsenale fu il cuore dell’industria navale della Serenissima, era un cantiere imponente organizzato come una sorta di “catena di montaggio” ante litteram, infatti vi lavoravano maestranze specializzate che eseguivano le operazioni di assemblaggio utilizzando componenti standard.

Ancora oggi se ne può ammirare l’imponenza e l’estensione che doveva essere motivo di stupore per i visitatori e di grande vanto per la città anche nel Medioevo e via via che Venezia e le sue esigenze commerciali e militari crescevano anche l’Arsenale cresceva in dimensioni e in specializzazione.

Vi doveva fervere una grande operosità se persino il Sommo Poeta, nel descrivere la quinta bolgia che è “mirabilmente oscura” per la pece che vi ribolle, usa come termine di paragone “l’arzanà de’ Viniziani “.

Oggi la zona dell’Arsenale, un po’ defilata rispetto ai centri del turismo di massa, è sede di un interessante Museo Navale e della Biennale d’Arte, è un luogo dove si può passeggiare tranquillamente assaporando i fasti di una città bellissima e particolare, sospesa tra acqua e cielo.

Venezia - Carnevale 2019 - L'arsenale

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, in biblioteca, passato (quasi) remoto. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.