Le parole magiche.

Ci sono parole che non costano nulla, che non si fa fatica a pronunciare, che non richiedono un grande impegno, che non cambiano il mondo, ma lo rendono un luogo più piacevole.

Un tempo erano sulla bocca di tutti, i genitori le consegnavano ai figli con sollecita premura e si preoccupavano che i figli se ne servissero (i miei genitori, per esempio, me le ricordavano continuamente e mi rimproveravano se trascuravo di pronunciarle, anche se capitava proprio raramente).

Al giorno d’oggi, ormai, si sentono molto raramente, soprattutto fra le giovani generazioni, come se se ne fosse persa la magia, oggi sono diventate parole quasi superflue e obsolete, parole inutili per le quali non vale la pena di sprecare il fiato.

Eppure non costa nulla dire qualche volta “per piacere” e “grazie”.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.