Indifferenza.

“Indifferenza” è la parola scritta a caratteri cubitali all’entrata del “Binario 21”, il Memoriale della Shoah di Milano fortemente voluto da Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, dove era stata deportata con il padre all’età di tredici anni, determinata testimone dello sterminio e, oggi, Senatrice della Repubblica.

“Indifferenza” è la parola chiave perchè l’indifferenza dei molti permise che i pochi perpetrassero e realizzassero il progetto atroce della “soluzione finale della questione ebraica”.

L’indifferenza non è solo “voltarsi dall’altra parte”, ma è molto peggio: è non vedere, non farsi domande, non assumersi responsabilità, non agire continuando, però, a sentirsi innocenti.

La lezione di questa giornata della Memoria sta tutta qui, nello sforzarsi di uscire dall’indifferenza che, in qualche modo, ci rende complici, ci rende colpevoli.

Meditate che questo è stato

Auschwitz - Birkenau

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.