Cabo da Roca

Fa impressione trovarsi lì, davanti all’Oceano, con tutto quel mare di fronte e tutto il continente alle spalle: Cabo da Roca è il punto più occidentale d’Europa, un promontorio battuto dal vento, tra cielo e mare, spettacolare non tanto per il suo aspetto puro e semplice, ma per il suo valore simbolico.

“Aqui… Onde a terra se acaba e o mar começa….” (Qui… dove la terra finisce e il mare comincia)  scriveva Camoes nel suo poema epico “I Lusiadi”, nel quale narra, in modo leggendario, il viaggio di Vasco da Gama verso l’India e altri episodi della storia del Portogallo esaltando le virtù del popolo portoghese.

A Cabo de Roca, ai piedi del faro, giungono turisti da tutto il mondo e si fermano lì a contemplare la vasta distesa di acque, oppure passeggiano sulla costa tra le alture coperte di vegetazione ammirando la scogliera su cui si infrangono le onde lunghe dell’Oceano.

Cabo de Roca è uno dei luoghi che ho visitato in questo breve viaggio in Portogallo e devo dire che salutare il nuovo anno davanti all’Atlantico è stato particolarmente emozionante.

Cabo de Roca (Portogallo) Cabo de Roca (Portogallo)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.