Per fare un presepe.

Per fare un presepe in fondo basterebbero Maria, Giuseppe, il Bambino e una grotta dove trovare riparo contro il freddo delle notti invernali perchè, quando facciamo memoria dell’Incarnazione, il nucleo fondamentale della narrazione è proprio questo: una giovane coppia, la povertà del rifugio, la gioia di una nascita.

Ma il nostro presepe, secondo la tradizione, è molto più “abitato”  perchè non ricorda solo la nascita di un bambino, ma l’evento destinato a mutare la vita di molti e quei pastori che si affollano titubanti intorno alla grotta simboleggiano tutti coloro che riconoscono nel Natale il mistero della nascita del Figlio di Dio.

E allora ci vogliono anche gli angeli che, nella notte santa, svegliano i pastori e annunciano la venuta di Cristo e ci vuole una stella che guidi i Magi fino alla grotta e ci vogliono tanto amore e condivisione.

Scicli (Sicilia)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.