A disen “la canzon la nass a Napoli”.

Ogni tanto, nella casa di riposo dove vive mia madre, arriva un coro che allieta gli ospiti con canzoni un forse po’ datate, ma piene di ritmo e di allegria.

Sono canzoni di tanto tempo fa che parlano di amori ingenui, di baci rubati, di addii strappalacrime, di campane che suonano a distesa, di sguardi furtivi, di pianti e sorrisi, di sogni e speranze.

Gli ospiti, ma soprattutto le ospiti, seguono il canto con trasporto, battono le mani, partecipano felici e sorridono con gli sguardi che si perdono dietro a ricordi lontani, ad amori lontani.

Poi, alla fine del breve concerto, il coro intona “Oh mia bela Madunina” e anche tra gli spettatori le voci si alzano finalmente decise, forti mentre le parole del capolavoro di Giovanni D’Anzi, con le sonorità del mio dialetto dolcissimo ed armonioso, sembrano librarsi nell’aria.

Che bello sentirli cantare.

Milano - La Madonnina

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, e adesso musica, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.