Non l’avevo capito.

Non avevo capito quanto fossi stanca di lavorare fino a quando non ho smesso di lavorare e mi sono riappropriata del tempo che credevo mio, ma che, per molti anni, è stato solo in prestito.

Me ne rendo conto passeggiando per Milano in un giorno feriale, un giorno un po’ freddo e nuvoloso, ma che ha il sapore di un giorno di vacanza.

Scopro di avere il tempo per osservare le vetrine e per entrare nei negozi, anche se non ho nulla da comprare, scopro di avere il tempo per camminare a passo lento, da Porta Nuova al Duomo, e per ammirare le facciate dei palazzi storici, come se le vedessi per la prima volta e, a ben guardare, è come se fosse la prima volta, perchè non ho altri pensieri che mi distraggano dal guardare con attenzione ciò che mi circonda.

Non ho relazioni da compilare, lezioni da preparare, verifiche da correggere, riunioni infinite, ho solo la preoccupazione di andarmene a zonzo senza orari, senza scadenze, senza fretta.

Credo che la mia nuova vita “a passo lento” sia la quintessenza della libertà.

Milano - Pinacoteca Ambrosiana

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.