Natura morta.

Eccola lì, inondata di luce nella sala buia,  “La canestra di frutta” del Caravaggio, uno dei gioielli più preziosi della Pinacoteca Ambrosiana.

Emozionante nella sua estrema verità sembra balzare fuori dallo sfondo chiaro e uniforme, la frutta un po’ bacata, le foglie che si accartocciano sembrano raccontarci il fluire del tempo e della vita, sembrano indicare una caducità delle cose umane con un linguaggio sincero, disperato e, in qualche modo, spietato.

Le foglie e la frutta, gli acini d’uva, i fichi maturi sono rappresentati, così come il vimini della canestra, con una precisione, con una ricchezza di dettagli che ricordano i maestri fiamminghi.

Mi affascina sempre questo piccolo dipinto senza tempo, così moderno e così antico, così semplicemente espressivo.

Milano - Pinacoteca Ambrosiana (La canestra di frutta)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.