Non ci riesco.

Quando inizia il mese di novembre vengo colta da una sorta di inquietudine, un senso di scontento che mi disturba, ma che non riesco a superare.

All’inizio di novembre i cimiteri si riempiono di gente e di fiori gialli, ci si incontra, magari dopo tanto tempo, si chiacchiera, si sorride e il cimitero, di solito così silenzioso, diventa un luogo in cui ritrovarsi.

In genere non amo andare al cimitero perché le due persone a me tanto care che riposano lì, mio marito e mio padre, in realtà le sento altrove, le sento vicine a me e non c’è emozione e neppure cordoglio nel contemplare una fotografia, ma in occasione della ricorrenza dei defunti la strada che porta in fondo al paese, così animata, mi sembra più lunga e faticosa.

Non riesco a stare lì, non riesco a fare visita ai miei cari, perchè non sono lì tra i marmi, i lumini e i fiori gialli, ma vivono sempre con me, nel mio cuore.

fiori gialli

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.