Il piacere di ritrovarsi.

Sembra che il tempo non passi mai ( e qualche volta che passi troppo in fretta), che si allunghi e si accorci come un elastico, che si arrotoli su se stesso catturandoci in una spirale costellata di attimi irripetibili, ma, ogni tanto, anche il tempo è clemente e ci regala una piega che sembra riportarci indietro nella dimensione del ricordo, dove tutto ciò che era negativo sparisce e restano solo immagini gradevoli e dolcissime.

Succede a volte e a me è successo ieri sera quando ho ritrovato molti dei ragazzi che avevo lasciato diciassette anni fa sui banchi di scuola e che hanno voluto farmi l’impagabile dono di qualche ora di festa per condividere insieme la gioia della mia nuova vita e la struggente tenerezza del ricordo.

Li ho ritrovati adulti, già ben ancorati ad un mondo di responsabilità, alcuni con i bimbi tra le braccia, altri con il piglio deciso di chi si è costruito una vita di lavoro, una professione, ho sentito il loro affetto e ho ritrovato (se mai l’avevo perso) il mio grandissimo affetto per loro, ho rivisto visi di uomini e donne dove è ancora facile leggere le espressioni dei ragazzini che erano, ma anche nuove consapevolezze, una diversa sicurezza.

Mi ha stupito soprattutto scoprire quanto il legame creatosi sui banchi di scuola fra loro e con me fosse profondo e, via via che i ricordi riaffioravano prepotenti, ho provato la gioia immensa di comprendere quanto la nostra relazione ci abbia reciprocamente arricchito.

Grazie ragazzi per aver voluto condividere questa gioia con me.

Cavenago di Brianza - registro

Cavenago di Brianza

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.