Una quieta bellezza.

Roma, pur con tutti i suoi problemi, con il suo traffico, con le folle di turisti che si aggirano tra i Fori e il Colosseo, che siedono sulla scalinata di Piazza di Spagna scattandosi un selfie, ha sempre il potere di catturarmi con il suo fascino antico, con la sua luce che, soprattutto al tramonto, diventa dolcissima.

E allora può capitare di salire fino alla terrazza del Pincio, imprecando ad ogni gradino, e poi di trovarsi lì, mentre comincia ad imbrunire, con i rumori di Piazza del Popolo attutiti, mentre una fisarmonica nascosta suona “La vie en rose” e un artista di strada riempie il cielo di evanescenti bolle di sapone.

E all’improvviso la città si illumina e anche i miei occhi si illuminano e trovo una nuova serenità nella contemplazione di tanta bellezza.

Roma - Terrazza del Pincio

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.