Mondiali ed estate.

Associo la fine della scuola alle serate un po’ afose in cui è piacevole fare quattro passi mentre, dalle finestre aperte, da mille televisori arrivano (ogni quattro anni) i suoni delle partite dei mondiali.

Non sono mai stata molto appassionata di calcio e spesso, durante le edizioni passate, mentre mio marito faceva indigestione di partite e di commenti dopo partita e di pronostici prepartita, uscivo di casa per assaporare il fresco della sera, fare quattro chiacchiere e quattro passi con un’amica, magari mangiando un gelato.

Quest’anno c’è la fine della scuola, c’è il fresco serale e ci sono persino i mondiali, ma manca la Nazionale (la nostra per intenderci) e mancano i rumori del calcio che rimbalzano da mille televisori.

Penso che mi consolerò con un gelato.

Milano

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, il piacere del cibo, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.