Una bella storia.

Due giorni prima della partenza del Giro d’Italia, che quest’anno prenderà il via da Gerusalemme  il 4 maggio, lo Stato di Israele conferirà la cittadinanza onoraria postuma a Gino Bartali che già nel 2013 era stato dichiarato “Giusto fra le Nazioni” per aver contribuito a salvare la vita a molti ebrei.

Negli anni bui delle leggi razziali e delle deportazioni il mitico Ginettaccio, approfittando della libertà di cui godeva durante gli allenamenti, nascose e trasportò nella canna della bicicletta i documenti contraffatti che permisero di salvare la vita di ottocento persone.

Mi sembra una gran bella storia che in tempi come questi, in cui assistiamo continuamente a preoccupanti rigurgiti di intolleranza e di razzismo, può solo farci riflettere e insegnarci una via.

Ghisallo

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.