Vita da insegnante.

In rete gira un video nel quale un ragazzino aggredisce un insegnante “ordinandogli” di mettergli un voto sufficiente sul registro, con l’arroganza di chi sa (o crede) di essere il più forte, con la consapevolezza che l’impunità è dietro l’angolo e che, probabilmente, i genitori lo difenderanno a spada tratta perchè in fondo “è solo un ragazzino”.

Quando succedono episodi del genere (… e ormai succedono sempre più spesso) mi sento rattristata e impotente e mi chiedo con sconcerto e sconforto come abbiamo potuto accettare tutto questo, come è possibile che noi adulti, genitori e insegnanti, abbiamo abdicato al nostro compito di educare e come abbiamo potuto permettere che questi ragazzi, che sono pur sempre il nostro futuro, siano allo sbando, senza regole e, in fondo, senza speranza.

Poi penso alle relazioni che mi legano ai miei ragazzi, penso al mondo di confidenza e rispetto che abbiamo saputo costruire insieme, pur tra mille difficoltà e tra mille errori, e mi consolo un po’ perchè sono consapevole che il mio ruolo non è solo quello di insegnare informazioni ai miei allievi, ma è soprattutto quello di aiutarli a crescere come persone sane, equilibrate, mature.

Sulle spalle dei giganti (la scienza nel Medioevo)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.