Disintossicarsi almeno un po’.

Tra meno di un mese le classi prime del nostro istituto partiranno per trascorrere due giorni di scuola velica sul lago di Como e l’attesa cresce in modo esponenziale ogni giorno.

Per i nostri ragazzi il corso di vela (che ormai nella nostra scuola è una tradizione) è un’esperienza importante perchè devono prendere il treno, preoccupandosi dei bagagli (che non è poco), devono rifarsi il letto, preparare la tavola, sparecchiare, lavare i piatti e sistemare la cucina (il tutto senza i genitori), ma soprattutto imparare i primi rudimenti della navigazione come armare l’imbarcazione, governare le cime e il timone e tenere d’occhio il vento.

La cosa più importante, però, è che per due giorni i ragazzi dovranno fare a meno della televisione, degli smartphone e di tutti gli aggeggi tecnologici che, di solito, intasano le loro giornate e così forse scopriranno che ci si può divertire anche senza fissare uno schermo, che con gli amici si può giocare e parlare (… e non solo chattare) e che un bel paesaggio può restarci nel cuore anche se non fa da sfondo ad un selfie.

I due giorni di vela, in fondo, servono soprattutto per disintossicarsi almeno un po’.

Dervio - Scuola di vela "Orza minore"

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.