La soluzione del problema.

Dopo l’ennesima strage in una scuola americana l’inquilino della Casa Bianca ha affermato che gli insegnanti dovrebbero essere armati (logicamente non a loro spese, ma utilizzando fondi federali) per evitare che questi episodi di cieca violenza si ripetano.

A parte il fatto che mi sembra improponibile trasformare le aule scolastiche in una sorta di “sfida all’ O.k. Corral” dove ha ragione chi estrae più velocemente la pistola, quello che mi sconvolge è che il Presidente non si renda conto che il ruolo degli insegnanti non può essere quello di rispondere al fuoco con il fuoco, ma quello di educare alla tolleranza, al rispetto, alla convivenza civile.

E intanto di limitare la vendita delle armi non se ne parla neppure.

Per un attimo mi sono vista andare a scuola con la pistola, acquistata con la “carta del docente” nella borsetta (oltre al telefonino, alle verifiche, alle penne, ai fazzoletti di carta), mi sono vista minacciare i miei scolari a mano armata consapevole del fatto che, probabilmente, otterrei un silenzio “di tomba” anche da parte dei più casinisti.

Mi scappa da ridere per non piangere.

Valle d'Aosta - Castello di Issogne

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.