Il sapore dell’acqua.

Quando ero bambina, come credo moltissimi della mia generazione, bevevo abitualmente l’acqua, l’acqua del rubinetto (che in estate lasciavo scorrere un po’ perchè fosse fresca, l’acqua delle fontanelle e persino, incredibile a dirsi, l’acqua dei ruscelli (“quando fa tre salti, spiegava una leggenda diffusissima, l’acqua diventa potabile”).

E’ incredibile che sia sopravvissuta senza l’acqua “che elimina l’acqua” o senza “l’acqua della salute”, è incredibile che non mi sia mai dovuta preoccupare del troppo sodio o del poco calcio.

L’acqua era la panacea di tutti i mali, un bicchiere d’acqua esorcizzava gli effetti di uno spavento o di una forte emozione, in caso di slogatura, distorsione o incidente analogo capitato durante il gioco non era necessario perdere tempo per correre dalla mamma, bastava mettere l’arto colpito sotto un getto d’acqua e tutto passava, se il sole picchiava duro bastava inzuppare il berretto e infilarselo in testa per ripigliarsi.

Ogni tanto andavamo in gruppo a giocare al torrente e allora l’acqua freddissima diventava un giocattolo incredibilmente versatile: con i piedi e le mani a mollo costruivamo dighe e mulini e saltavamo nelle pozze schizzandoci a vicenda fino a diventare fradici, ma incredibilmente i raffreddori erano veramente rari.

E poi, quando avevo sete, infilavo la testa sotto il getto di una fontanella e assaporavo l’acqua che, soprattutto in montagna, era gelida e sapeva di neve.

giochi d'acqua

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il sapore dell’acqua.

  1. Non immagini quanto io mi riconosca in quello che così bene hai descritto.
    E’ stato un vero tuffo nel passato. Grazie!
    Perdipiù devo ammettere che l’acqua è il mio elemento di elezione.
    Riesce a trasmettermi magnifiche emozioni. E’ fonte di ispirazione.

  2. Il sapore dell’acqua mi ha conquistato! L’ho riletto più vole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.