Nomi.

Nel ventre oscuro della stazione Centrale di Milano c’è il Memoriale della Shoah, allestito proprio nel luogo da cui tra il 1943 3 il 1945 partirono quindici treni, treni che non comparivano sui tabelloni della stazione, indegni carri bestiame in viaggio verso la morte.

Percorrere il memoriale è un’esperienza coinvolgente, ma il luogo più toccante è il muro con i nomi, nomi di persone che su quei vagoni sono saliti, nomi che corrispondono a volti, mani, voci, sorrisi ed esistenze.

Percorro i nomi con lo sguardo soffermandomi su quelli di colore diverso, pochissimi come pochissimi furono i sopravvissuti.

Immagino quei nomi urlati in un appello osceno, provo ad immaginare i sentimenti nel sentire urlare il proprio nome lì, nel ventre buio della stazione.

Milano Stazione Centrale - Memoriale della Shoah

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.