Il suono di una fisarmonica.

Mi piace il suono della fisarmonica, è gioioso e malinconico al tempo stesso, ha risonanze antiche, ma anche fresche e vivaci, ha un sentore di festa, di danze in una notte d’estate su un’aia, di svago dopo una giornata di lavoro.

C’è sempre una fisarmonica che accompagna il coro che, ogni anno, rallegra le nonne e i nonni della casa di riposo quando si avvicina il Natale.

Le canzoni sono quelle della loro giovinezza, melodie antiche che riaffiorano nei loro ricordi spezzettati mentre canticchiano le parole che sembrano venire da un tempo lontano, la musica strappa loro dei sorrisi beati, gli occhi sembrano perdersi nei ricordi che la musica e le parole evocano con vivace chiarezza.

E’ bello sentir le nonne cantare, è bello vederle sorridere e seguire con le mani e con gli occhi la danza della fisarmonica e bello pensare che la musica abbia il potere di riportarle al passato, alla giovinezza, ad una lunga vita di affetti e di gioie nella quale si ritrovano, come per magia, finché la musica si spande nell’aria.

Alle coriste e alla suonatrice va il loro ringraziamento e il nostro.

Cavenagodi Brianza -Fisarmonica

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, e adesso musica, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.