Natale nell’aria.

Ormai manca poco a Natale e sta per iniziare il periodo, nefasto per la linea,  delle cene, dei buffet imbanditi, dei dolci traditori sul tavolo della sala professori ed è sempre più difficile non farsi tentare.

Le luci sono ormai tutte accese, i mercatini sono affollati, persino l’aria ha un profumo di vaniglia e di zucchero.

All’ombra degli abeti scintillanti è obbligatorio sentirsi felici, è indispensabile sentirsi più buoni anche se la bontà, di cui ci sentiamo pervasi, sembra svanire velocemente come una cometa che attraversa il firmamento tra Natale e l’Epifania.

Dovremmo imparare a vivere il Natale nella sua essenza più profonda che è quella di un Amore immenso, un Amore che si dona senza chiedere nulla in cambio, un Amore che salva e allora potremmo forse spegnere qualche luce, potremmo rinunciare a qualche tavola imbandita per non farci distrarre dalla contemplazione di un Bambino che di quell’Amore è l’incarnazione.

Forse allora riusciremmo ad assaporare lo spirito del Natale.

Scicli (Sicilia)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.