Se avessero avuto lo smartphone….

Si è adirato e non poco Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice, nei confronti di coloro che visitano i luoghi devastati dal sisma e immortalano l’evento con un selfie.

Purtroppo il “turismo della tragedia” si è allargato a macchia d’olio dai tempi del delitto di Cogne con frotte di curiosi che si aggiravano attorno alla villetta, così come davanti al celebre cancello della casa di Avetrana, con gite turistiche davanti alla Concordia semi affondata o fra le macerie dei borghi devastati dai terremoti degli ultimi anni.

E’ naturale, di conseguenza, che i viaggiatori dell’orrore e del dolore si scattino un selfie a testimonianza di un inaccettabile “c’ero anch’io”, quasi a voler entrare a far parte della notizia, quasi per riceverne, di riflesso, un bagliore di notorietà.

Se la moda di scattarsi un selfie davanti ai monumenti è un po’ ridicola, mettersi in posa, con la bocca a cuore, davanti ai resti di una tragedia è indice di grande superficialità e insensibilità.

Ogni tanto penso, con un po’ di sconforto, a cosa avrebbero potuto fare i passeggeri delle scialuppe di salvataggio del Titanic se avessero avuto in tasca uno smartphone.

Bergeggi (ottobre 2011)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, ecco perché mi lamento, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.