Viaggiatori del tempo (e dello spazio)

Il breve (brevissimo) ponte in occasione del Carnevale ambrosiano mi regala un dono prezioso: la possibilità di viaggiare a costo (quasi) zero nel tempo e nello spazio.

Non ci vuole molto, basta una poltrona un po’ comoda, un po’ di silenzio e un libro e mi trovo catapultata sulla via della seta, verso l’oriente in compagnia di Marco Polo e ho l’opportunità incredibile di vedere con i suoi occhi luoghi che non sono più, di sentire profumi antichi, di farmi avvolgere da colori e atmosfere, mentre all’orizzonte si intravede il profilo di Cambaluc, l’antica Pechino.

Oppure, mentre scorro le parole su una pagina bianca, gli occhi seguono il profilo di monti che conosco e amo da sempre, mentre una barca silenziosa lascia la riva e una giovane donna, dai capelli scuri, alza lo sguardo su quei monti quasi per rivolgere loro un malinconico saluto.

E poi salgo su un treno a vapore che corre veloce da Istanbul a Calais e incrocio sguardi pieni di rancore, di odio, di timore.

Leggere un libro è tutto questo: è attraversare una porta che ci permette di viaggiare nello spazio e nel tempo senza muovere neppure un passo.

Istanbul

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, in biblioteca, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.