Karkadè.

“Karkadè” è una parola dal suono un po’ buffo e un po’ esotico che sentivo spesso ripetere dalle nonne quando ero bambina, anche se non riuscivo ad associarla a nulla di conosciuto, mi piaceva però il suono di quelle tre sillabe così simili ad una filastrocca infantile o al chiocciare di una gallina.

Ho scoperto solo molto più tardi che il karkadè è un infuso che si ricava dai fiori di una particolare qualità di ibisco che cresce in Africa e nei paesi tropicali (uno dei suoi nomi è infatti “tè dell’Abissinia”) dalle mirabolanti qualità antisettiche e digestive.

Negli anni trenta, tuttavia, non era usato per le sue caratteristiche curative, ma perché, quando l’Italia dovette affrontare le sanzioni in seguito alla guerra d’Etiopia, l’uso del tè divenne molto raro e la bevanda tipica della “perfida Albione” fu sostituita dal karkadè che veniva annoverato tra i prodotti coloniali provenienti dall’Eritrea ed era quindi perfettamente idoneo alla politica autarchica del regime.

Personalmente l’infuso mi piace forse per il suo colore rosso acceso, forse per il gusto gradevolmente acidulo, forse per quella patina di passato che, almeno ai miei occhi, si porta ancora appresso.

Marocco -  Rabat

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.