Oasi.

Nel cuore di Milano, proprio dietro l’Università Statale si apre una minuscola oasi di tranquillità e di silenzio: i Giardini della Guastalla, uno dei parchi più piccoli, ma tra i più antichi della città.

In origine il giardino era annesso al Collegio della Guastalla, creato nel 1555 da Paola Lodovica Torelli per ospitare ed educare le “fanciulle nobili, ma decadute” che senza educazione e senza dote sarebbero state destinate fatalmente ad entrare in un convento o avrebbero rischiato di finire su una cattiva strada.

Nel 1937 il Comune di Milano espropriò il palazzo e il collegio fu trasferito a Monza, mentre il giardino, annesso al parco di Palazzo Sormani, fu aperto al pubblico nel 1939.

Oggi ciò che resta è un delizioso parco cittadino ornato da una elegante vasca peschiera seicentesca in stile barocco, collocata al posto dell’originario laghetto, e da un tempietto neoclassico edificato dal Cagnola e arricchito da alberi anche di grandi dimensioni come una splendida catalpa dal tronco secolare suggestivamente contorto.

Milano - Parco della Guastalla

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.