Nella civilissima Milano.

Non è passata neppure una settimana da quando anche a Milano sono state poste le prime “Pietre d’inciampo“, i sampietrini collocati davanti alle case dove vivevano gli ebrei deportati ed assassinati nei campi di sterminio, e già è stata imbrattata con la vernice nera quella posta in via Plinio al numero 20, in ricordo di Dante Coen.

Lo sfregio, che è segno di ignoranza e viltà, non offende solo la memoria di un uomo innocente ucciso dalla barbarie nazista, ma offende l’intera città, la Milano civile e democratica della quale vado fiera e nella quale mi onoro di essere nata.

Praga

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.