Ricordando.

Quando si invecchia la memoria fa brutti scherzi: qualche volta annebbia i ricordi più vicini e magari dimentichiamo quello che abbiamo fatto il giorno prima, ma in compenso permette che affiorino immagini e sensazioni legate ad un passato che credevamo sepolto e ci riporta volti, suoni, profumi con una nitidezza che ha dell’incredibile.

E’ difficile però comprendere quali siano ricordi reali e quali invece siano frutto di una rielaborazione inconsapevole della nostra mente che, nel corso degli anni, ha colmato le lacune, ha ravvivato i dettagli, ha costruito storie che, forse, pensiamo di aver vissuto, ma che abbiamo solo immaginato.

Capita così di incontrare persone che non vedevamo da tempo e, lasciandosi andare al filo dei ricordi, scoprire che le percezioni dello stesso avvenimento sono totalmente diverse, come se il vissuto di ciascuno avesse imboccato un binario personalissimo.

Nelle parole dell’altro possiamo ritrovare particolari che avevamo rimosso o sensazioni completamente divergenti, possiamo scoprire che i contorni dei nostri ricordi sono sfilacciati come se il nostro rileggere il passato fosse legato non tanto alla realtà dei fatti, ma al complesso di conseguenze che dai fatti è scaturito.

Scopriamo così che il passato, di cui conserviamo memoria, talvolta è nebuloso o impreciso o irreale, scopriamo che spesso ha la consistenza del sogno, ma che, comunque, ha contribuito a costruire le persone che siamo e i nostri pensieri e le nostre emozioni.

Cavenago - Passi nella Nebbia

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.