Da sola.

In fondo non mi dispiace viaggiare da sola perché posso visitare città e musei con i miei ritmi, che sono dettati spesso da interessi ed emozioni, mi piace camminare con il passo veloce o salire su di un taxi quando sono stanca di camminare, mi piace fermarmi per pranzare quando ho fame o sedermi in un caffè quando ho bisogno di coccole, senza rispettare orari convenzionali o programmi.

Così ho visitato Cracovia, da sola, senza orari e senza programmi, decidendo dove andare e cosa vedere senza limiti, magari soffermandomi nella piazza  del Mercato in attesa del calare della sera o aspettando, nel cortile del Collegium Maius, lo spettacolo dell’orologio meccanico, con la curiosità di scoprire (o riscoprire) luoghi affascinanti, con lo stupore dell’incontro con l’arte e la bellezza, cullandomi nelle emozioni senza bisogno di parole.

E poi sono finita in un ristorante ebraico nel Kazimierz davanti ad un’anatra in salsa di ciliegie, incuriosita e stupita dai sapori inusuali, seduta ad un tavolo dal quale potevo osservare la sala e gli altri avventori e il  quartiere al di là della vetrina mentre la mente, libera dalle parole, poteva seguire pensieri e ricordi.

Cracovia

Cracovia - Kazimierz

Cracovia - Kazimierz

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.