Solo un anno.

Solo un anno fa i miei “ragazzini” di prima media erano ancora dei “bambini” di quinta elementare un po’ ansiosi e preoccupati per l’attesa di un nuovo inizio, ma nello stesso tempo desiderosi di sentirsi un po’più grandi, di lasciare l’ambiente rassicurante e fin troppo familiare della scuola primaria.

Ieri, nell’ambito delle iniziative di raccordo tra primaria e secondaria, siamo andati a trovare gli scolari di quinta per raccontare, dal punto di vista dei ragazzi, com’è l’esperienza che stanno per affrontare.

Mi ha quasi intenerito vedere i miei allievi, seduti in gruppo per terra, pur nella confusione che sono soliti fare, rispondere in modo ponderato e serio alle domande dei loro quasi coetanei, sforzandosi di spiegare i loro pensieri, le loro emozioni, le loro esperienze quasi come dei “fratelli maggiori” che desiderano prendere per mano i loro compagni e accompagnarli nel momento, mai banale, del cambiamento.

Mi ha quasi intenerito vedere come questo anno, passato così in fretta, li ha già cambiati facendoli diventare più grandi nel fisico, nelle parole, negli atteggiamenti.

cavenago scuola

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.