Lavoro.

Mi piace il mio lavoro, anche se da quando ho cominciato ad insegnare è cambiato in modo quasi incredibile, sono cambiati i ragazzi, sono cambiati i rapporti con le famiglie o forse sono cambiata io perchè il mio lavoro mi ha insegnato a crescere insieme ai miei studenti.

Dove sia finita la ragazzina di belle speranze, fresca di studi universitari che tanti anni fa varcava per la prima volta il portone della scuola, è un mistero, oggi c’è una signora matura (anziana…), un po’ più esperta, ma, tutto sommato, ancora piena di entusiasmo, piena di voglia di cambiare, di inventare, di cercare nuovi stimoli e sfide.

Sì perchè il mio lavoro non è mai uguale, perchè ogni volta le situazioni e le persone cambiano e obbligano al cambiamento.

Per questo amo il mio lavoro, perchè ogni giorno è diverso, ogni giorno richiede creatività e non lascia spazio alla noia e alla routine.

Un lavoro divertente, imprevedibile, vario è un grande privilegio ed è per questo motivo che, alla mattina, quando mi avvio a scuola, ho ancora voglia di canticchiare.

cavenago a scuola

 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.