Pilato.

Il quinto prefetto della prefettura di Giudea, in carica tra il 26 e il 36, il cavaliere Ponzio Pilato è una figura centrale del Venerdì Santo e della Passione di  Cristo, non tanto e non solo per aver presieduto, come narrano i Vangeli, il processo, per aver fatto flagellare un imputato innocente secondo la legge romana e  per averlo condannato a morte sulla spinta della reazione popolare, in fondo Pilato altro non era che un funzionario, forse un po’ ottuso, relegato in una provincia periferica e non tranquilla dell’Impero, alle prese con una situazione politica esplosiva e non deve essergli sembrato un errore assecondare la folla.

La centralità di Pilato nella storia della Passione sta tutta in quel gesto di lavarsi le mani, un gesto simbolico che forse avrebbe dovuto far riflettere gli astanti, ma il cui valore si perde nella concitazione del momento.

Pilato sa, o forse intuisce vagamente, che l’Uomo che gli hanno condotto davanti non è colpevole, ma non riesce ad assumersi la responsabilità di un gesto di rottura, o anche solo di giustizia: paradossalmente non fa nulla di male, ma non riesce a compiere nulla di bene.

Pilato è un po’ come noi quando, davanti all’ingiustizia, davanti al male, voltiamo la testa, non ci facciamo coinvolgere, anche solo per quieto vivere, e ce ne restiamo lì, con le nostre mani inutilmente pulite, con le nostre mani inerti.

Varallo Sesia

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.