Triangolo lariano.

Il Triangolo Lariano è il territorio incuneato tra i due rami del lago di Como, deliziosamente verde, ricco di itinerari abbastanza tranquilli che offrono panorami stupendi sul Lario, con i suoi monti più imponenti come le Grigne e il Resegone, o sugli specchi dei laghi briantei.

Quando ero una ragazzina era la meta prediletta delle passeggiate domenicali della mia famiglia perchè le montagne più alte avevano ancora i versanti coperti di neve e le rilassanti passeggiate tra un rifugio e l’altro permettevano di uscire dal letargo invernale in modo indolore.

Ci davamo appuntamento con gli zii sempre allo stesso incrocio, dalle parti di Merate, e, di solito, aspettavamo un bel po’ anche perchè arrivavamo al luogo convenuto sempre con largo anticipo (mio padre era un fanatico della puntualità, purtroppo i suoi fratelli non lo erano altrettanto) e poi, quando la piccola carovana di utilitarie era composta, ci dirigevamo verso i Corni di Canzo o il Monte San Primo o l’Alpe del Vicerè.

Una volta giunti alla meta, mentre le mamme allestivano il pic nic (più simile ad un pranzo di Natale che a un frugale spuntino) e nell’aria si spandeva il profumo della frittata (che meraviglia la frittata fredda nel pane) e delle cotolette alla milanese, mentre mio fratello e le cugine giocavano tra gli alberi io, che ero già un’adolescente inquieta, mi sedevo in un angolo a leggere un libro, con l’aria un po’ sdegnata dell’intellettuale costretta ad uscire all’aria aperta.

Quasi subito, però, mi stancavo del ruolo che mi ero ritagliata e cominciavo a giocare come e peggio degli altri.

Dopo aver dato fondo alle provviste riponevamo coperte e tovaglie nelle auto parcheggiate lì vicino e cominciavamo a camminare lungo comodi sentieri fino a quando le prime ombre della sera riempivano il fondovalle cancellandone i colori.

Un brivido fresco sfiorava i prati ed era il segno che era ora di tornare a casa.

Rancio -Triangolo lariano

 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, le mie montagne, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.