La terapia della normalità.

In Olanda è stato creato, ormai da alcuni anni, un villaggio dove vengono ospitate le  persone sofferenti di Alzheimer, con capacità e autonomia residue, che possono continuare a vivere in modo “normale” tra supermercato, teatro, sala da concerti e palestra per fisioterapia.

Le abitazioni, che ospitano sei o sette persone, oltre a due accompagnatori sempre presenti, sono arredate secondo gli stili di vita olandesi, gli ospiti scelgono dove vivere e possono portare nella nuova casa qualche mobile, fotografie, oggetti personali e tutto ciò che può favorire la “terapia del ricordo”.

Il villaggio è aperto alla comunità vicina, i cittadini possono accedervi liberamente per fare la spesa, passeggiare, assistere agli spettacoli, fare volontariato, mentre i bambini della vicina scuola materna fanno visita periodicamente a quelli che sono diventati ormai dei “nonni” un po’ speciali.

L’iniziativa olandese ha il merito di non medicalizzare delle persone che hanno ancora la possibilità di vivere autonomamente in un ambiente protetto, ben diverso da una casa di riposo.

Sarebbe bello che anche da noi si facessero esperimenti simili, magari in regioni dal clima particolarmente clemente: sarebbe una scelta di civiltà.

Milano - Casa degli Atellani

 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, diritti e doveri. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.