Note, parole ed emozioni.

L’emozione è palpabile nel salone gremito per il “Concerto della memoria”, un’emozione profonda, un’emozione buona che aiuta a dare forma concreta a  pensieri e memoria.

Sistemo i fogli sul leggio, do un’ultima occhiata al testo e poi, nella penombra della sala, nel silenzio che cala improvviso cerco dentro di me la forza di un’emozione per poter restituire le parole nella loro forza evocativa, perché non si perdano nell’aria, perché risuonino nelle menti e nei cuori di chi ascolta.

Sento una scarica di adrenalina, le mie mani, aggrappate al leggio, tremano un po’, ma la mia voce esce sicura, profonda poi le parole finiscono, per un attimo la loro eco vibra ancora nell’aria e poi si leva, consolatoria e rassicurante, la musica e l’emozione si stempera, cullata dalla melodia.

Non è facile “fare memoria” senza cadere nell’eccessiva enfasi o nella vuota retorica, bisogna lasciarsi guidare dalle emozioni, senza abbandonarsi troppo ad esse, bisogna permettere alla ragione di rimanere vigile, bisogna permettere ai pensieri di farsi strada sul filo delle emozioni nelle menti spesso distratte o avvezze a cercare di dimenticare.

“Fare memoria” diventa così un modo per conoscere, per capire, per condividere.

Moggio autunno;

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in chi è di scena, così è la vita, e adesso musica, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.