Le storie e la Storia.

Provo sempre stupore nel constatare la grande ricchezza del nostro Paese, nel quale ogni borgo, anche piccolo, anche fuori mano racconta le storie che si intrecciano con la storia (quella con la esse maiuscola) e la compongono, la arricchiscono come un immenso affresco che via via si definisce e si precisa.

Oggi abbiamo visitato Cornello dei Tasso (una frazione antichissima del comune di Camerata Cornello), il piccolo borgo dove, per iniziativa di un fantasioso imprenditore (imparentato con il più celebre Torquato Tasso) nel XIII secolo è nato il servizio postale.

Il minuscolo abitato conobbe tempi di grande fortuna quando passava di lì la “Via Mercatorum“, che nel paese percorreva un tratto coperto, poi, con la costruzione della via Priula a fondovalle, il paese restò tagliato fuori dal traffico di uomini e merci.

Probabilmente il suo isolamento è stata la sua fortuna infatti, ancora oggi, il paese è raggiungibile solo a piedi e conserva intatto il suo fascino antico e silenzioso: camminando sul selciato e sotto le volte della via coperta si respira la storia che è scivolata tra quei muri e ha lasciato i suoi racconti fra le antiche pietre.

Cornello dei Tasso è un altro dei piccoli borghi (quanti ce ne sono in Italia!) che meritano una visita.

Cornello dei Tasso

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.