Per la strada.

Assisi mimo elaborazione Mi piace molto soffermarmi ad osservare gli artisti di strada siano essi giocolieri, mimi, acrobati e quando mi si presenta l’occasione indugio volentieri.

Ricordo, alla fine degli anni settanta, gli ampi spazi intorno al neonato Beaubourg di Parigi letteralmente invasi da mangiatori di fuoco e fantasisti di ogni genere fra i quali spiccava un uomo in marsina, pesantemente truccato, che si muoveva con i gesti rigidi di un automa in tutto simile al robot Zed che sarebbe apparso, di lì a qualche anno, in una trasmissione di Raffaella Carrà.

Solo più recentemente i centri storici delle città d’arte italiane hanno cominciato a popolarsi di mimi che imitano, in modo quasi perfetto, delle statue: all’inizio mi soffermavo a guardarli divertita e stupita cercando di cogliere il minimo movimento, il battito di ciglia, il fremito di un muscolo che tradisse la presenza della vita, ma spesso restavo delusa perchè mi capitava d’imbattermi in veri e propri professionisti dell’immobilità .

Amo molto queste presenze silenziose e discrete che sembrano estraniarsi dal flusso dei passanti, fermissimi dove tutto è movimento, che si concedono solo un breve cenno di ringraziamento quando una monetina cade nel piattino ai loro piedi, mi piace quel loro starsene lì per ore nel caos cittadino a farsi ammirare da passanti frettolosi e turisti in cerca dello scorcio pittoresco, dell’immagine curiosa da riportarsi a casa come souvenir, personaggi muti e quasi estranei alla confusione di cui pure fanno parte.

Mi sembra un modo simpatico di raggranellare qualche soldino.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Per la strada.

  1. filo scrive:

    Anch’io indugio sempre moltissimo davanti a questi artisti di strada, proprio come dici tu Sciura Pina. Sulle ramblas di Barcellona ce ne sono di molto curiosi!, ma anche sotto casa ogni venerdì, che è giorno di mercato, ultimamente ce n’è uno, talvolta una, che impersona statue o personaggi medievali. Invidio molto la loro capacità di autocontrollo.Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.