Assisi, città della pace.

La prime impressioni dopo il viaggio “mordi e fuggi” ad Assisi si affollano nella mente, in attesa di trovare ordine, di decantare.

Negli occhi ho la basilica di San Francesco, bianchissima e baciata dal sole, che sembra posata sul piano verdissimo o illuminata e silenziose al cadere della notte, quando le ombre scivolano sull’elegante facciata.

Negli occhi ho il panorama immenso che si stende calmo ai piedi della collina, punteggiato di ulivi che fremono al vento.

Sento il rumore dei passi sulle pietre delle viuzze tortuose, sul selciato del sentiero che scende rapido a San Damiano, sui gradini impervi dell’eremo delle Carceri.

I pensieri si accavallano trascinati dai ricordi e lasciano un’incredibile sensazione di pace e serenità.

Assisi Basilica di san Francesco

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Assisi, città della pace.

  1. donMo scrive:

    Ma la foto l’hai fatta tu? Ho attraversato quella piazza tutti i giorni per quattro lunghi anni, ma così non l’avevo mai vista, complimenti.

  2. Sciura Pina scrive:

    ebbene sì, la foto è mia (scattata in un momento particolarmente fortunato)

  3. chiara scrive:

    Bellissima foto! Complimenti. Assisi è uno dei miei luoghi preferiti.

  4. enrico scrive:

    complimenti per la foto, davvero bella, come l’atmosfera che si respira in quel luogo. Atmosfera particolarmente più sentita quando a S.M degli Angeli, ho visto la stanzetta piccola e bassa dove dormiva e pregava san francesco

  5. lostinthesky scrive:

    Foto meravigliosa!!!

  6. Alberto scrive:

    Molto bella. A mano libera?

  7. Sciura Pina scrive:

    @alberto: a mano libera non ce l’avrei mai fatta, ho usato il cavalletto e l’autoscatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.