Voto assistito.

In queste elezioni, per la prima volta nella sua vita, la mia mamma dovrà entrare nella cabina elettorale accompagnata perchè, essendo diventata ormai completamente cieca, non può più votare da sola.

Già da diverso tempo si è messa in agitazione e, nonostante sia in possesso di tutti i documenti che comprovano la sua infermità, ha voluto che la accompagnassi per tempo negli uffici comunali per fare apporre sulla tessera elettorale il timbro che le consente comunque di esercitare il suo diritto.

Provo una grande tristezza e contemporaneamente un grande orgoglio per questa donnina indomita, che non si arrende alla malattia, che vuole continuare a vivere una vita “normale” anche se priva della vista, che continua a “leggere” grazie al “libro parlato” e dopo il “Gattopardo” e “Anna Karenina” si accinge ad attaccare “Guerra e Pace”, che ha ascoltato, senza pietà, tutte le trasmissioni elettorali commentando con acutezza le varie posizioni e che vuole continuare ad esercitare i suoi diritti di cittadina.

Sono fiera di essere sua figlia.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Voto assistito.

  1. Haddock scrive:

    bello esempio di senso civico e di senso di responsabilità… tua mamma ci vede molto più di tante altre persone, ci vede con il cuore.

  2. maria angela scrive:

    sono un pochetto fiera anche io di avere un’amica che ha una mamma così,cara pina.
    anche la mia andrà a votare (sola dentro la cabina)accompagnata da mia figlia.
    saluti a voi
    m.ang

  3. Mariko scrive:

    …alla faccia di chi molto superficialmente dice “Non vado a votare, tanto non serve a niente”.
    Il diritto di voto è fondamentale e fa benissimo la tua mamma a voler andare.
    Sono fiera anch’io di tutti quelli che lo faranno come lei.
    Brava

  4. filo scrive:

    Ti dirò che io sono fiera di essere la mamma di mio figlio perchè sono riuscita a convincerlo che il voto è il privilegio della democrazia che abbiamo ricevuto grazie a tanti, come suo nonno, che hanno combattuto per conquistarla.

  5. riccardo uccheddu scrive:

    Nel leggere il tuo post sulla tua mamma alle elezioni mi sono un po’ commosso…e non è facile far commuovere un vecchio sardo (vebbè, in effetti ho 46 anni).
    A parte questo, ammiro molto tua mamma per l’attaccamento alla democrazia ed alla grande letteratura.
    Fai davvero bene ad essere fiera d’essere sua figlia.
    Del resto, come potresti non esserlo?
    Ciao
    Riccardo

  6. Raffa scrive:

    Tua madre è una gran donna, Sciura Pina, hai tutte le ragioni per esserne fiera!
    Raffa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.