La fiera dei sogni.

Nel bar tabaccheria, che ormai non è più fumoso, perchè non si fuma più nei locali pubblici, c’è tutto un fermento, tra una discussione sull’ultima partita, sull’ultimo rigore regalato o negato, tra un caffè e un Campari è tutto un affannarsi a grattare, con una monetina, i tagliandi della lotteria istantanea, meglio conosciuti come “Gratta e vinci”.

Ho l’impressione, e temo che sia un po’ più di un’impressione, che il numero dei biglietti venduti sia inversamente proporzionale alla mancanza di denaro di cui tantissimi ormai si lamentano così come credo di poter affermare che, a confronto delle tradizionali lotterie nazionali, questa forma di azzardo, dalla risposta immediata, sia di gran lunga la preferita.

Così mi capita di vedere persone, dall’aspetto non particolarmente opulento, acquistare un numero esagerato di tagliandi e non solo di costo basso, spesso infatti non si tratta di biglietti da due euro, ma da cinque e dieci euro, nella speranza di fare il “colpaccio”, quello che ti sistema per tutta la vita o, per lo meno, te la cambia in modo significativo.

Anni fa, nella Romania appena uscita dalla dittatura, avevo visto in vendita dei “gratta e vinci” particolarissimi: in palio non c’erano cifre in contanti, ma appartamenti, automobili (la mitica Dacia) ed elettrodomestici, anche lì la gente faceva la fila per acquistarli ed anche lì avevo avuto l’impressione che fosse un modo per acquistare un sogno, quello di una vita meno grama.

Mi piacerebbe che le persone che si affidano all’azzardo per cambiare la loro esistenza si rendessero conto che, a parte rare e fortunatissime eccezioni, l’unico sistema sicuro per vincere è non giocare.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La fiera dei sogni.

  1. giorgio scrive:

    Già..e poi è vergognoso che lo stato guadagni sulla disperazione di chi lui stesso a messo in ginocchio, cornuti e mazziati.
    Giorgio.

  2. Artemisia65 scrive:

    sono sempre stata del parere che gli unici soldi sono quelli sudati, di questi son sicura
    il resto è illusione

  3. Fe scrive:

    Alla tabaccheria di fianco l’ufficio era esposto un gratta e vinci, con la vincita di 10.000 Euro. Ho strabuzzato gli occhi… volevo comprarli anche io (non ci ho mai giocato). Poi ho pensato… forse è meglio che mi bevo un caffè, me lo gusto sicuramente di più… Però.. che fortuna quello che li ha vinti!!!

  4. maria angela scrive:

    sante parole, sciura
    saluti
    m.ang

  5. Alberto scrive:

    E’ una delle tante illusioni che questo Stato premette si diano ai suoi cittadini. E su queste illusioni vendute si prende anche la sua percentuale. Poi si dice la caduta dei valori!

  6. enrico scrive:

    Un approfitto autorizzato dal e per lo stato. Schifo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.