Rischio?

Nel week end è scoppiato l’ennesimo allarme, quello delle schede ingannevoli (o presunte tali), in realtà la grafica non sembra studiata per facilitare le operazioni di voto, ma, d’altra parte, è perfettamente coerente con le disposizioni legislative vigenti (come ha affermato il ministro Amato durante la conferenza stampa).

Certo, rispetto a due anni fa, la schede elettorali risultano decisamente meno chiare, ma allora la situazione politica era completamente diversa, c’erano solo due maxi-coalizioni, oltre a tre partiti isolati, e comunque era ugualmente possibile invadere lo spazio di un simbolo vicino, tracciando la croce in modo troppo deciso.

Così c’è chi paventa irregolarità, chi minaccia sfracelli, chi chiede di ristampare le schede (alla faccia dei tagli sulla spesa pubblica e degli elettori all’estero che hanno già espresso il loro voto).

A me piacerebbe invitare tutti a dare un po’ di fiducia all’intelligenza dei cittadini, che hanno alle spalle una lunga esperienza di elezioni con schede sempre diverse, qualche volta farraginose, che sono abituati a votare, nella stessa tornata elettorale, con metodi diversi a seconda dell’assemblea da eleggere e che, quando esprimono il loro parere, sono più attenti e preparati di quanti coloro che ci governano o intendono governarci non credano.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in diritti e doveri. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Rischio?

  1. enrico scrive:

    trovo decisamente disarmate quello che sta avvenendo intorno alla scheda elettorale. Ancora una volta di più mi convinco della pochezza della politica italiana. Certo stare adesso a ristampare milioni di schede è da folli e oltretutto è un buttar via soldi dei cittadini. Però mi chiedo perchè non si è studiata prima la realizzazione grafica.
    Un saluto
    Enrico

  2. paz83 scrive:

    ecco, il fatto che mi disturba, come scrivi anche tu, è che pensino che il cittadino sia deficente. Oltre a mandarlo a votare con una legge discutibilissima lo fanno anche apparire come un pirletti qualsiasi. Sarebbe ora che si mettessero a fare le persone serie invece che pensare alle schede..

  3. chit scrive:

    Sbaglio o c’è un proverbio che dice “chi è causa del suo mal pianga se stesso”?
    Quindi tutti a piangere acasa di Calderoli visto che il tempo e la possibilità per cambiare questa legge c’era ma “loro” avevano fretta. Ed ora, PORCELLUM sia!!!
    In verità la “soluzione”, una soluzione potrebbe esserci. Qualche apparizione televisiva in meno di questo o quello e qualche spot elettorale in più sulle modalità di votazione ma… secondo te ne troviamo uno che si sacrifichi a non farsi vedere in tv??

  4. Sciura Pina scrive:

    Potrebbero comparire in tv con un cartello esplicativo appeso al collo (logicamente ciascuno con il proprio simbolo)
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.