Io ho un sogno.

Quarant’anni fa, il 4 Aprile 1968, moriva Martin Luther King, il leader del movimento non-violento per i diritti civili, assassinato nel Tennessee mentre si preparava a mettersi alla testa dell’ennesima marcia di protesta.

Ricordo la notizia, ascoltata alla radio, che un tempo a casa mia era sempre accesa, così come, pochi mesi dopo, avrei udito quella della morte di Robert Kennedy: un’altra morte violenta di quelli che, nell’immaginario un po’ ingenuo e idealista della mia adolescenza, erano gli eroi positivi, i modelli da imitare (come il presidente Kennedy ucciso a Dallas solo cinque anni prima).

Non ho invece ricordi diretti della marcia del 1963 e del celeberrimo discorso “I have a dream”, ero troppo piccola e l’informazione televisiva non aveva ancora reso il pianeta un villaggio globale, le immagini che ho nella mia mente sono documentari e film che, negli anni seguenti, si sono susseguiti con insistenza fino a creare una memoria dell’evento: ma ho letto e condiviso le parole di King e anche grazie a quel discorso sono come sono e penso come penso.

Ogni tanto ho la netta sensazione che siamo come nani sulle spalle di giganti, forse non abbiamo la statura morale e la forza interiore che li animava, ma, grazie a loro, possiamo guardare lontano.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Io ho un sogno.

  1. Artemisia65 scrive:

    non ero neanche nata
    ma JFK e Martin Luther King hanno indirizzato la mia vita
    il loro esempio è stato illuminante
    grazie d’averli ricordati

  2. Alberto scrive:

    E purtroppo il sogno del Gigante è rimasto tale. La situazione dei neri in America nei fatti è cambiata di poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.